Teano-Sessana: inizia con un pari l'avventura di mister Mennillo

Il nuovo corso gialloblù inizia dove tutto nacque due anni e mezzo fa, dalla punizione di Prassino che sancì la risalita in Prima Categoria

Inizia con un pari l'avventura di Mister Mennillo sulla panchina della Sessana, al “Garibaldi” di Teano finisce 1-1 con una rete per tempo. Il nuovo corso gialloblù inizia dove tutto nacque due anni e mezzo fa, dalla punizione di Prassino che sancì la risalita in Prima Categoria molte cose sono cambiate, ma l’amore dei tifosi verso quella gloriosa maglia non è mai mutato, anzi. Dopo la strana settimana, si parla finalmente di calcio giocato. Il neo Mister manda subito i nuovi acquisti in campo, eccezion fatta per Ruberto ancora alle prese con una giornata di squalifica. A difendere i pali gialloblù va Allocca, Franco Emmanuele a destra, il rientrante Lombardi sulla sinistra, centrali Iandico-Zamparelli. In mediana Carlo Lepore centrale, Luigi Franco centro-sinistra, il confermato Pergamo centro-destra. In avanti giocano Brancaccio a destra per rientrare con il piede mancino, Palumbo sulla sinistra e Marraffino punta centrale. Lo Zupo Teano di Mister Tabacchino è quart’ultimo in classifica, ma vuole cercare di ottenere punti preziosi per la salvezza soprattutto tra le proprie mura, l’attacco è affidato ai piedi di Capaccione e Gheremedin. Parte subito forte la Sessana che occupa bene il campo non riuscendo a trovare il varco giusto. All’11’ la Sessana passa. Brancaccio si destreggia ottimamente sulla fascia destra, rientra con il mancino e lascia partire un tiro-cross verso il secondo palo, Palumbo sembra intervenire sulla traiettoria spiazzando l’estremo difensore che vede accomodare in rete il pallone. Quarta rete stagionale per il numero dieci gialloblù che sta dimostrando partita dopo partita d’essere un giocatore di ben altra categoria. Il goal vivacizza ancor di più i gialloblù che sono costretti però ad effettuare la prima sostituzione al 13’, out per infortunio il centrale difensivo Iandico, al suo posto entra il debuttante Francesco Di Lorenzo, altro nuovo arrivato. E’ ancora Brancaccio ad essere il più pericoloso, il sinistro dal limite viene deviato in angolo dall’estremo difensore di casa Cestrone, sarà una sfida lunga una partita tra “Aladino” Brancaccio e il giovane portiere. La sfortuna s’accanisce sui gialloblù, seconda sostituzione in mezz’ora, Luigi Franco è costretto a dare forfait, al suo posto debutto stagionale anche per Randolo con l’arretramento in difesa di Gianmario Palumbo. Al 37’ punizione magistrale di Brancaccio, splendido il colpo di reni di Cestrone che allontana in angolo. Lo Zupo è poca cosa, Gheremedin e Capaccione non sono mai pericolosi, Allocca è impegnato solo con conclusione dalla distanza bloccate facilmente dal numero uno aurunco. Ad inizio ripresa Tabacchino toglie Mone e inserisce Di Giambattista sulla mediana per provare a cambiare marcia al suo centrocampo, ma lo Zupo latita soprattutto in fase offensiva. La Sessana è in partita e giostra la palla con passaggi rasoterra efficaci, i ruvidi difensori sidicini atterrano e martellano di calci il malcapitato Brancaccio. Ancora nei suoi piedi l’occasione più clamorosa, ennesimo calcio piazzato dalla media distanza, il suo sinistro supera la barriera e sbatte sulla faccia del palo rientrando in campo, l’espertissimo Vastano(46 anni e non sentirli) spazza via ogni possibile pericolo. Dieci minuti dopo Marraffino suona la carica e riparte in velocità, rientrato sul sinistro serve al centro Di Lorenzo che controlla, ma perde il tempo giusto per concludere e viene rimpallato dalla difesa di casa. La partita rimane in equilibrio, all’improvviso lo Zupo si affaccia in avanti e conquista un calcio di rigore. Gianmario Palumbo, già ammonito, commette fallo su Gheremedin che ha rubato il tempo al numero undici gialloblù che viene espulso. Dal dischetto si presenta lo stesso Gheremedin che spiazza Allocca riportando in parità i suoi. Con un uomo in meno, lo Zupo dovrebbe cercare di portare a casa i tre punti, ma la voglia di rimanere incollati alle prime posizioni spinge la Sessana in avanti. Al 75’ miracolo ancora di Cestrone, ancora su una punizione dell’ispirato Brancaccio, che dalla sua mattonella preferita riesce a superare la barriera, ma l’estremo difensore si supera e manda in angolo. I calci piazzati annullano l’uomo in meno ai gialloblù che provano fino al 94’ a riportarsi sull’1-2, ma neanche l’”In the Box” finale serve, termina 1-1, un peccato pareggiare una partita dominata. Il campionato è ancora lungo, la Sessana potrà togliersi sicuramente grandi soddisfazioni, le potenzialità ci sono tutte, in questa città si vince solo se tutte le componenti remano dalla stessa parte, la storia insegna, ma qui si vuole riscriverla, ancora una volta, con la magica penna gialloblù.

ZUPO TEANO: Cestrone, Rotondo, De Bottis, Pitocchi(87’Capezzuto), Scoglio, Vastano, Colapietro, Della Valle A, Capaccione, Gheremedin, Mone(46’Di Giambattista). All. Tabacchino. A disp. Guarriello, Rotondo, Della Valle G, Caliendo.

SESSANA: Allocca, Franco E, Lombardi, Iandico(13’Di Lorenzo), Franco L(32’ Randolo), Pergamo(89’Vellucci), Lepore, Marraffino, Brancaccio, Palumbo. All. Mennillo. A disp. Cacace, Sciorio, Cestrone, Di Raffaele.

ARBITRO: Mazzarella di Benevento

ASSISTENTI: Esposito – Pisaniello di Benevento

MARCATORI:11’Brancaccio(SES); 67’Gheremedin(ZTN)

AMMONITI: Pitocchi, Capaccione, Gheremedin(ZTN); Iandico, Lepore, Palumbo(SES)

ESPULSO: Palumbo(SES) al 67’

RECUPERO: 5pt, 4 st

CALCI D’ANGOLO: 6-3 per la Sessana

Commenta su Facebook