A Santa Maria Capua Vetere "Il Corruttore" di Alberto Di Nardi

Dopo la presentazione ufficiale del libro, inizia il tour dell'autore nei comuni della provincia di Caserta

Santa Maria Capua Vetere - “Il libro nasce il giorno del mio arresto, nella cella 21 del carcere di Santa Maria Capua Vetere. Strumento e compagna al contempo, la scrittura mi ha aiutato a frenare l’aumento del peso che sentivo gravare su mio figlio e mia moglie. Ed è stata proprio lei a convincermi ad inviare il diario ad una casa editrice. La cattura mi ha liberato dal fardello di una situazione insostenibile che mi aveva trasformato, seppur per un breve periodo, in una persona diversa”. Così Alberto Di Nardi, ex patron della Dhi Di Nardi Holding Industriale S.p.A., ha presentato il suo libro, mercoledì 8 novembre, in una gremita Biblioteca Diocesana immersa nel cuore pulsante della città di Caserta.

Il romanzo “Il Corruttore” (Luigi Pellegrini Editore) si pone come una sorta di pubblica denuncia di un corruttore reo confesso con l’intento di ricostruire con dovizia di particolari tutta la propria vicenda partendo dal punto di vista del “cattivo”, o meglio di un imprenditore valido e preparato divenuto poi esperto “corruttore” invischiato in un sistema che promuove l’arrivismo spietato e ignora le leggi dello Stato e della morale. Dopo l’arresto, nel marzo 2016, l’imprenditore diventa una delle fonti più attendibili dei magistrati della Procura di Santa Maria Capua Vetere e comincia una coraggiosa campagna di denuncia nei confronti di politici ed amministratori comunali.

Dopo il successo della presentazione ufficiale, l’autore Alberto Di Nardi inizia un tour che lo porterà a confrontarsi con i futuri lettori in molte delle realtà territoriali in cui la Dhi S.p.A. ha svolto il servizio di raccolta rifiuti in questi anni. La prossima tappa è prevista a Santa Maria Capua Vetere sabato 11 novembre (ore 16.30) presso la sede dell’associazione “Ciò che vedo in Città - SMCV” in via Pierantoni. L’incontro è scaturito dalla volontà degli associati della Onlus sammaritana di ricevere delucidazioni rispetto a quei passaggi, contenuti nel libro “Il Corruttore”, in cui si fa esplicito riferimento a “palesi estorsioni di denaro” ad opera dei “picciotti dei clan della zona”. 

Per Alberto Di Nardi sono già previsti ulteriori incontri in diversi comuni casertani tra cui, a grande richiesta, quello fissato nella città di Maddaloni nelle prossime settimane.

Per tutte le iniziative, le presentazioni e ogni altra curiosità è possibile consultare la pagina Facebook: www.facebook.com/albertodinardiautore/

Commenta su Facebook