Villa Literno, rinasce il carnevale: è già record di presenze

Diecimila persone nella serata inaugurale, il gran finale previsto per sabato

Villa Literno - Centinata di volontari in campo, tanta voglia di fare ed un'associazione dedicata. Così rinasce il carnevale di Villa Literno che dopo un periodo flessione, ha ricominciato alla grande. Nella giornata inaugurale, avvenuta domenica a causa delle piogge di sabato, ha fatto registrare il record di presenza all time. Diecimila persone, infatti, hanno festeggiato lungo via dei mille, partecipando attivamente alla festa in maschera molto sentita dai liternesi. La kermesse, infatti, è diventata nel corso degli una sorta di culto per i cittadini, diventando un punto di incontro per tutte le generazioni che ogni anno si attivano e collaborano per dare vita ai giganti di cartapesta. Anche quest'anno sono stati realizzati ex novo ben tre carri, grazie all'accorpamento dei sei rioni cittadini: Castello-Ferrovia; Via Roma Ponte Pagliarella; Corso Umberto - Baracca. I temi scelti sono quelli di estrema attualità, ovvero il femminicidio, il cyberbullismo e la guerra tra le religioni. Il format ha comunque subito della varianti che «dai primi riscontri hanno dato già molti frutti» fa sapere il presidente dell'associazione Carnevale, Orlando Zaccariello. Quest'anno, infatti, sono state allestite aree tematiche di intrattenimento per i bambini, inoltre i visitatori non sono più ospiti passivi, ma bensì vengono coinvolti attivamente nella festa in maschera con delle aree di coinvolgimento create ad hoc. Altra grande novità è quella dell'introduzione di stand gastronomici, utili anche per promuovere la grande eccellenza della produzione agricola di Villa Literno ovvero il pomodoro. 
Durante la prima giornata di sfilate, infatti, sono stati offerti piatti di pasta al pomodoro alle tantissime persone presenti che provenivano non sono da tutte le province della Campania, ma anche dal Lazio e dalla Marche. Il tutto è stato possibile grazie ad uno stand dedicato al pomodoro liternese, gestito dallo chef Mattia Sarnataro, da Massimo Ucciero con Barricella conserve e con l'aiuto dei ragazzi dell'istituto Alberghiero.
Segnale che la festa sta riscoprendo nuovamente i vecchi fasti: «Possiamo ancora crescere dal punto di vista della quantità dei carri, ma sotto l'aspetto del coinvolgimento e dell'organizzazione forse abbiamo già superato ogni aspettativa» dice Zaccariello. A sottolineare il grande impegno e la volontà dei volontari c'è anche una particolarità importante, dato che per la prima volta il carnevale liternese viene organizzato senza il sostegno di fondi pubblici, ma solo «attraverso sponsor e donazioni» con i consiglieri comunali che hanno devoluto il 25% delle proprie indennità alla causa. Intanto resta l'attesa per la sfilata di oggi che si terrà a corso Umberto, stessa location dove è previsto il gran finale di sabato sera.

Commenta su Facebook