Villa Literno, striscione e scritte offensive sulla statua di Garibaldi

La zona non è video sorvegliata. Di recente in paese ci sono stati altri atti vandalici

Villa Literno - Resta avvolta dal mistero la presenza di uno striscione con scritte offensive, apparso nella giornata di domenica sulla statua di Giuseppe Garibali a Villa Literno. La figura del generale è posta proprio al centro di un crocevia dove solitamente transitano migliaia di auto ogni giorno. Chi ha agito ha voluto fare proprio un atto dimostrativo, forse per macchiare il ricordo uno degli uomini considerato eroe nazionale. In questo caso, però, le parole utilizzate erano tutt'altro che lusinghiere dato che Garibaldi viene descritto come un «mercenario e ladro di cavalli». Soprattutto sullo striscione viene messo in evidenza, come Garibaldi sia tutt'altro che «un eroe». Lo striscione, posizionato molto probabilmente durante la notte, è stato rimosso alle prime luci dell'alba grazie all'intervento dei carabinieri della stazione di Villa Literno e del comando di polizia Municipale. Il tutto è stato sequestrato e messo a disposizione delle autorità, ma al momento non si capisce chi sia stato l'autore dell'atto vandalico che non ha comunque deturpato la statua. La rotonda su cui campeggia la figura di Garibaldi, infatti, non è video sorvegliata quindi i carabinieri non hanno filmati a cui poter fare riferimento ed al momento nessuno ha rivendicato il fatto. La notizia ha comunque fatto il giro del paese, anche se nessuno riesce a capire chi possa essere stato ad agire. Non è la prima volta che in paese accadono episodi simili, anche se di tutt'altra natura. Solo nell'ultimo mese ci sono stati atti vandalici al campo sportivo comunale. L’ultimo episodio è stato registrato solo la settimana scorsa, quando qualche malintenzionato è entrato all'interno della struttura forse per rubare i cavi di rame, dato che tutti i pozzetti dei cavi elettrici sono stati trovati tutti aperti. Alla fine niente è stato rubato ma i vandali si sono comunque scagliati contro alcune vetrate e suppellettili dell'impianto sportivo, che era stato già preso di mira ad inizio del mese di novembre, quando furono manomessi alcuni pali della luce.

Commenta su Facebook