Potatura dei lecci ad Aversa, il Wwf: "Bloccate i lavori"

L'associazione ambientalista: "Ancora una volta si utilizza il sistema della capitozzature, così facendo si perdono le funzioni ecologiche e sanitarie"

Aversa - "Sospendere immediatamente i lavori di potatura ad Aversa fino a quando non saranno istruiti da un agronomo esperto su come procedere" questa la richiesta dei volontari del Wwf che attraverso Alessandro Gatto, sono intervenuti sulla potatura dei lecci presso la villa comunale. "Abbiamo constatato, purtroppo, che i lecci della Villa comunale di Aversa sono stati potati ancora una volta con il sistema delle capitozzature. Praticamente le piante vengono spogliate completamente di qualsiasi foglia e ramo, facendo perdere completamente la loro funzione primaria ecologica e sanitaria, di produzione di ossigeno e di assorbimento degli agenti inquinanti atmosferici. Senza foglie tutti questi benefici si perdono" fa sapere Gatto che aggiunge: "Questo sistema di potature, inoltre, espone gli alberi ad una serie di attacchi di fitopatogeni che ne indeboliscono gravemente la struttura, così come sostenuto dal nostro Agronomo Matteo Palmisani". "Ancora una volta siamo costretti a ricordare che questo tipo di potature entra in contrasto con i dettami del regolamento per la tutela del verde di Aversa. Chiediamo - continuano i volontari -  al sindaco di far rispettare questo regolamento che, fino a prova contraria, è sempre attivo e legale fino a quando se ne adotterà uno nuovo, così come sappiamo che questa Amministrazione Comunale ha intenzione di fare". A queste si aggiungono anche altre richieste come quella di "convocare le associazioni ambientaliste e tutti gli interessati alla consulta per l'ambiente, per discutere di questi argomenti ma anche di rifiuti, inquinamento, e di tutti i temi che rientrano nelle nostre competenze/interessi. Inoltre chiediamo al sindaco di Aversa di conoscere l'iter del corretto smaltimento dei rifiuti speciali così ottenuti dalle potature suddette".

tags: Aversa, WWF

Commenta su Facebook