Carlo di Borbone, quattro Atenei insieme per festeggiare il tricentenario della sua nascita

L'evento abbraccerà l'intero biennio 2016/17 e si svolgerà tra l'Università di Salerno, L'Orientale di Napoli, la Federico II di Napoli e la Sun a Santa Maria Capua Vetere

Campania - Via alle celebrazioni del tricentenario della nascita del “monarca illuminato”, Carlo di Borbone. Quattro Università insieme per ripercorrere i tratti di una figura storica centrale per la vita dell’Italia e del Mezzogiorno, grazie ad una convenzione che vede protagonista la SUN, con Rosanna Cioffi (presidente del Comitato organizzatore), l’Orientale con Luigi Mascilli Migliorini (segretario), L’Università “Federico II” con Annamaria Rao, l’Università di Salerno con Aurelio Musi. Una convenzione interuniversitaria che ha come obiettivo quello di promuovere attività di carattere scientifico e divulgativo su di un periodo particolarmente importante della storia di Napoli, del Sud dell’Italia e dell’Europa moderna. 

Durante il biennio 2016-2017 si terranno corsi universitari, conferenze, incontri con gli studenti delle scuole e con gli appassionati di un regno che vide protagonista un sovrano di padre francese e madre italiana, che fu sovrano di due regni europei: quello di Napoli e quello di Spagna e che estese l’influsso di quest’ultimo alle colonie americane. 

Per i prossimi mesi il Comitato promuoverà cinque seminari, aperti a tutti gli interessati che vorranno partecipare, così intitolati: 

1) Corte e cerimoniale di Carlo di Borbone a Napoli (aprile 2016, presso l’Università “Federico II” di Napoli); 

2) Carlo di Borbone tra Spagna e America (maggio 2016, presso l’Università “L’Orientale” di Napoli; 3) La storiografia sullo Stato moderno nel Settecento: fonti e problemi (giugno 2016, presso l’Università di Salerno); 

4) Simboli e miti della Sovranità (settembre 2016, presso la SUN a Santa Maria Capua Vetere); Lingue e culture nell’Europa di Carlo di Borbone (ottobre 2016, presso l’Università di Napoli “L’Orientale”).

Il primo anno di attività, cui si affiancheranno ulteriori incontri didattici con le scuole della Campania, sarà concluso da un Convegno (presso le Regge borboniche di Caserta e Napoli ed altri prestigiosi siti di particolare valenza storica), intitolato “Napoli, Spagna, America. Le vite di Carlo di Borbone.”, che si terrà ai primi di novembre con il coinvolgimento dei maggiori studiosi internazionali dell’argomento. Il Comitato sarà attivo per coinvolgere tutti i soggetti pubblici e privati interessati a partecipare al biennio di attività, il cui obiettivo principale sarà di ricordare e trasmettere la memoria di un tempo che vide il Mezzogiorno d’Italia protagonista di una grande stagione illuministica e di riforme fra le più notevoli dell’Italia del tempo. Una stagione breve, ma molto efficace, le cui testimonianze soprattutto monumentali e artistiche abbelliscono ancora oggi una terra, il nostro Mezzogiorno, che deve ricordare il suo passato per poter riguadagnare nel presente la forza e il respiro della sua storia plurimillenaria. 

Hanno già manifestato il loro interesse: la Reggia di Caserta, l’Archivio di Stato di Napoli, l’Archivio di Stato di Caserta, la Biblioteca Nazionale di Napoli, il Teatro San Carlo, Palazzo Zevallos-Intesa San Paolo, il C.N.R. (Istituto di studi sulle società del Mediterraneo) e la Fondazione "Pietà dei Turchini”.

Commenta su Facebook