Riutilizzo dei beni confiscati per scopi sociali: siglato l'accordo a Teverola

Firmato dal presidente dell’associazione LOGOS Onlus, Michele Passaretti, dal presidente di Migr-Azioni aps, Michele Docimo, e dal presidente di "Sì Teverola Onlus" Antonio Zacchia per l’utilizzo da parte delle associazioni firmatarie del bene conferito alla Chiesa Cristiana Evangelica Nuova Pentecoste

Teverola - È stato firmato, nei giorni scorsi, dal presidente dell’associazione LOGOS Onlus, Michele Passaretti, dal presidente di Migr-Azioni aps, Michele Docimo, e dal presidente di Si Teverola Onlus Antonio Zacchia, un protocollo d’intesa per l’utilizzo da parte delle associazioni firmatarie, del bene confiscato sito in Teverola  e conferito alla Chiesa Cristiana Evangelica Nuova Pentecoste per il riutilizzo a scopi sociali.

Con la firma del protocollo le tre associazioni  si impegnano ad ospitare all’interno del plesso attività associative nonché  iniziative di coordinamento e cooperazione sul territorio comunale, provinciale, regionale e nazionale in un’ottica di sistema, con l’intento di realizzare, in collaborazione, progetti sociali, culturali, interculturali e formativi.

Il programma delle associazioni aderenti prevede che lo stabile diventi un luogo per nuovi progetti di vita di persone, un luogo di promozione e cultura dell’inclusione, uno spazio di legalità in cui si affermerà a più livelli il valore sociale; ancora, uno spazio generatore di occasioni del “sapere”, ma aperto anche al territorio e alla cittadinanza.

Diversi i progetti in cantiere e altri  per il futuro  che le associazioni  Si Teverola Onlus  e Migr-Azioni si impegnano fin da subito ad attuare e che coinvolgeranno le diverse realtà associative presenti sul territorio.

Più a lungo termine, gli obiettivi riguardano un cambiamento rispetto all’interazione fra struttura comunitaria e territorio: non solo gli interventi degli operatori che gestiscono i progetti, ma  anche un” fuori”, costituito da rapporti “normali” dove il sostegno passa attraverso la condivisione di spazi e momenti insieme. Per tale motivo, verrà sostenuta attivamente la rete del volontariato e la stretta relazione con le associazioni del territorio.

Commenta su Facebook