Felicori nuovo direttore della Reggia: l'in bocca al lupo di Caserta

La Cisl Fp annuncia una piena collaborazione per rilanciare il Monumento

Caserta - E’ ormai nota la nomina di Mauro Felicori, bolognese, ex manager culturale del Dipartimento Economia del Comune di Bologna, quale nuovo Direttore della Reggia di Caserta, in base alla procedura di selezione internazionale prevista dal Ministro Franceschini. Riportiamo di seguito gli interventi giunti alla nostra redazione. 

CISL - La Cisl Funzione Pubblica provinciale ha accolto la nomina con un sospiro di sollievo ma anche con l’aspettativa di una dirigenza rivoluzionaria, che abbia il sapore di un vero e proprio reset. Le fin troppo note problematiche ormai incancrenite, che hanno assillato la Reggia negli ultimi tempi, dalla mancanza delle risorse economiche, allo stato di abbandono del sito, invocano con forza una inversione di marcia a 360 gradi che riesca finalmente a produrre l’agognato rilancio di Palazzo Reale. “Questa Federazione – precisa la nota della Segreteria provinciale -  oltre a dare un caloroso benvenuto al nuovo dirigente e augurargli un avvio di lavoro sereno, già da ora lancia un appello affinchè venga stabilita una piena collaborazione tra sindacati e dirigenza, un lavoro comune per riportare la Reggia al suo giusto splendore, affinchè diventi una volta per tutte meta di riferimento del turismo in Campania, volano di sviluppo di un intero territorio, programmando con ampio anticipo i progetti di valorizzazione studiati per attirare i flussi turistici. I punti chiave sottolineati in questi anni dal sindacato sono numerosi ma per cominciare: servono  fondi per  la manutenzione del patrimonio architettonico e del Parco, e questi non devono più mancare, serve un dialogo costante con gli enti locali e le istituzioni, serve in via definitiva una rete dei Beni Culturali. La Cisl Funzione Pubblica è assolutamente pronta al confronto, così  come lo è sempre stata e i lavoratori, la federazione provinciale e la SAS sono pronti a lavorare fianco a fianco al nuovo manager  per avviare quell'atteso e finalmente serio percorso di rilancio del monumento che, non dimentichiamo é patrimonio dell'umanità”.  

 

CAMILLA SGAMBATO (PD) - "Un caloroso benvenuto e un grande in bocca al lupo a Mauro Felicori. Ha l'onere e l'onore di rilanciare la Reggia di Caserta, un tesoro enorme, una scommessa da declinare combattendo il degrado, gli ambulanti, i ritardi accumulati ma sapendo che la Reggia ha tutte le carte in regola e le potenzialità per farcela. La valorizzazione dei nostri tesori è la strada per il rilancio economico della nostra terra. Il turismo e l'accoglienza sono le politiche da perseguire". Così Camilla Sgambato, sulla sua pagina facebook, ha commentato l'arrivo del nuovo manager della Reggia. 

 

LUIGI BOSCO (CAMPANIA LIBERA) - «Auguro un buon lavoro al neo manager della Reggia di Caserta Mauro Felicori. Dal suo curriculum emergono competenze ed esperienza che saranno fondamentali per il rilancio definitivo del bene architettonico più importante della nostra provincia e regione e tra i più belli di tutta l’Italia». Queste le parole del consigliere regionale di ‘Campania libera’ Luigi Bosco, dopo l'ufficializzazione del nome del professionista che ricoprirà il ruolo di direttore del complesso vanvitelliano al posto del reggente Fabrizio Vona. «Possediamo – continua il vice presidente della commissione consiliare Attività produttive, Industria, Commercio e Turismo - un patrimonio culturale e naturalistico di incredibile bellezza. Purtroppo, negli ultimi quindici anni le attività legate al turismo hanno perso il 50% dei guadagni. Adesso è arrivato il momento di invertire la rotta e per farlo occorre puntare sulla splendida Reggia di Caserta. Il nuovo direttore Felicori sarà chiamato a svolgere un lavoro duro ma anche molto stimolante. Nella sua attività sarà sicuramente affiancato dai vertici regionali. Il neo governatore Vincenzo De Luca, nei suoi tanti anni da sindaco di Salerno e in questi primi mesi da presidente della Campania, ha dimostrato di voler utilizzare il settore turismo come volano per il rilancio di tutto il territorio. Una prima prova è stata la firma storica sull’accordo di valorizzazione del Real sito di Carditello col ministro Franceschini. In questa fase – conclude il consigliere regionale Bosco - con una gestione manageriale oculata, operativa e moderna, come quella che potrà fornire Mauro Felicori, sono certo che ci sarà un incremento sostanziale di turisti e la rinascita della Reggia di Caserta dopo anni trascorsi nell’oblio».

 

 

Commenta su Facebook