Terra dei Fuochi: certificato di qualità per i terreni, ecco il piano

In occasione della prossima riunione interministeriale si discuterà della strategia da adottare per il monitoraggio dei terreni considerati a rischio

Campania - Un 'bollino di qualità' per certificare la bontà dei terreni e dei prodotti che vi sono coltivati. Di questo si discuterà nella prossima riunione interministeriale durante la quale verrà individuata una strategia, articolata in cinque fasi, finalizzata al monitoraggio di tutti i terreni coltivabili considerati a rischio nella Terra dei Fuochi. Per ottenere il 'certificato di qualità', è necessario che vengano superati diversi controlli, coordinati dal Corpo Forestale, che vedono coinvolti diversi enti ed istituzioni. La riunione interministeriale si svolge dopo le proteste e le polemiche per lo stop improvviso nei controlli, già pianificati ma bloccati prima ancora di partire. I risultati dei controlli saranno comunicati ai ministri competenti per l’adozione degli eventuali provvedimenti di interdizione dei terreni che risulteranno contaminati.

Commenta su Facebook