L'Ecological risponde a Di Rienzo: "Calo della percentuale dovuto ai mancati controlli del Comune"

La ditta che si occupa del servizio di raccolta in città replica al neo assessore: "L'unica trageda è l'abbandono tacitamente legalizzato"

Santa Maria Capua Vetere - Riceviamo e pubblichiamo la nota stampa dell’Ecological Service, in replica alle dichiarazioni rilasciate dal neo assessore all’ambiente, Donato Di Rienzo.

 

L’Ecological Service, azienda che gestisce il servizio di raccolta differenziata a Santa Maria C.V., si vede costretta a replicare alle accuse avventate e senza fondamento rivolte all’azienda dal neo-Assessore all’ambiente Donato Di Rienzo e precisare quanto segue:

1) siamo professionisti seri, non abbiamo mai preso in giro i cittadini, ci limitiamo alla raccolta dei rifiuti differenziati per trasportarli agli impianti individuati dal Comune. Le percentuali non sono in alcun modo stabilite o inventate dall’azienda, ma si ricavano dai documenti ufficiali inviati dagli impianti stessi al Comune.

2) Il calo della percentuale (a Maggio comunque al 42%) è dovuto esclusivamente ai continui cumuli di rifiuti abbandonati sempre negli stessi punti della città (Via Cupa Degli Spiriti, Via Siata, Via Merano, Via S. Giovanni, Via Murata, Via Battisti, ecc.), rimossi quotidianamente dall’azienda con interventi straordinari. Infatti dalle poco più di 600 tonnellate di rifiuti indifferenziati raccolti a Febbraio si è passati alle oltre 800 tonnellate a Maggio (vedi tabella 1 con i dati ufficiali). È questa l’unica tragedia su cui l’Assessore dovrebbe riflettere, dovuta all’abbandono tacitamente legalizzato a causa della mancanza di controlli, da Noi richiesti da sempre. Perché si accusa l’azienda dal momento che, come riconosciuto dall’Assessore nelle sue dichiarazioni, la colpa è dovuta alla mancanza dei controlli (mai attivati)? Chi muove i fili di questa regia occulta, che mira a far calare la percentuale di raccolta, di fatto legalizzando la non differenziazione dei rifiuti?

3) Sulla base degli ottimi risultati ottenuti nel 2010, il Comune di Santa Maria C.V. ha beneficiato dello sconto del 25% per il conferimento dei rifiuti allo STIR, come Comune virtuoso che ha superato la soglia del 35% nel 2010, dovuto all’ottima risposta della cittadinanza. Dov’è l’emergenza dichiarata dall’Assessore? Inoltre, ai cittadini sammaritani andava riconosciuto una diminuzione della TARSU: perché questo non è accaduto? Perché non sono stati premiati i cittadini virtuosi?

Sono queste alcune delle domande che i cittadini rivolgono all’EcoSportello e che noi giriamo a chi ha il dovere di dare una risposta.

Commenta su Facebook