Italia da record, i dati in Europa

La disoccupazione giovanile è in continuo aumento. Un problema anche per diversi paesi della Comunità Europea

(di Marcantonio Capoluongo, Giuseppe Puoti, Vittorio De Gaetano, Luca GrazianoAlessandro Di Tommaso) I dati più recenti forniti dall’Istat e dall’ufficio statistico dell’Unione Europea Eurostat sono chiarissimi: la disoccupazione giovanile è in continuo aumento. Un problema concreto non solo per l’Italia, che resta comunque ai vertici delle classifiche internazionali, ma anche per diversi paesi della comunità europea. Negli ultimi anni in Europa questa tendenza è  in continuo aumento e anche l’Italia in questo settore recita la sua parte. A risentirne sono soprattutto i giovani di età  inferiore ai 25 anni e i dati si presentano in maniera davvero allarmante. Si parla del 35,9% di disoccupati nel nostro Paese, ma nel resto della zona Euro la situazione non migliora. In media il numero di giovani disoccupati supera la metà  dei disoccupati del resto della popolazione. Nei paesi dell’Ue la media di giovani disoccupati è del 22,2% con la Grecia che detiene il record negativo pari al  52,7% seguita immediatamente dalla Spagna (con una percentuale pari al 51,5%). Sul podio è presente anche la Slovacchia con il 39,3%. Si nota quindi che i livelli di disocupazione giovanile in Italia rientrano tra i massimi negativi a livello Europeo, sulle stesse percentuali  di Portogallo, Lituania e Lettonia tutti oltre la soglia del 30%. Tra i Paesi dell’Unione Europea sono pochi quelli che scendono sotto la soglia del 15% come  Germania, Austria, Paesi Bassi e Malta. La principale causa di tutto cioè è data dal fatto che le aziende cercano lavoratori sempre più specializzati in determinati campi e sono pochi i giovani che possono vantare una formazione adeguata, maturata nei percorsi scolastici, che possa garantire l’immediato inserimento in ambito professionale, anche perché  in tempo di crisi le aziende tendono ad investire in giovani che riescano a fornire un contributo utile per l’azienda.

Commenta su Facebook